Incontro alla Braidense su La gazza ladra di Gioachino Rossini a cura dell'Archivio

Riccardo Chailly, James Bradburne, Pierluigi Ledda, Ilaria Narici, Paolo Crisostomi e Lidia Bramani ripercorrono la genesi dell'opera 

In ricordo di Alberto Zedda, giovedì 30 marzo alla Biblioteca Braidense l’Archivio Storico Ricordi presenta l’incontro "La gazza ladra di Gioachino Rossini. Dal manoscritto alla scena". L’appuntamento, in collaborazione con il Teatro alla Scala e la Fondazione Rossini, approfondisce aspetti musicali della partitura e della messa in scena dell'opera attraverso i documenti originali dell'Archivio. Il capolavoro di Rossini viene raccontato dalla sua nascita nel 1817 fino all’edizione scaligera del 2017, con l'esposizione di materiali autografi, bozzetti e libretti d’epoca. Riccardo Chailly, che dirige l’opera alla Scala, interviene per svelare il capolavoro rossiniano dal punto di vista musicale, analizzando la partitura autografa. Introducono l'incontro James Bradburne, direttore della Biblioteca Nazionale Braidense, e Pierluigi Ledda, direttore dell'Archivio Storico Ricordi. Intervengono inoltre Ilaria Narici, direttore della Fondazione Rossini, Paolo Crisostomi, restauratore dell'Archivio, e Lidia Bramani, musicologa.